Sicilia Report
Sicilia Report

Codiferro: gli italiani in quarantena hanno riscoperto il pollice verde  

Firenze, 17 Giugno – Non solo cucina: durante il lockdown gli italiani hanno riscoperto nuovi metodi di impiegare il proprio tempo libero e si sono dedicati a vari hobby piacevoli e tipicamente domestici, come il giardinaggio. 

È quello che emerge dal rapporto dell’Istat “Fase 1. Le giornate in casa durante il lockdown: 5 aprile – 21 aprile 2020”, che evidenzia come, nella fase intensa della quarantena per la pandemia da Coronavirus,quasi un terzo della popolazione italiana si sia dedicata proprio alla cura dello spazio verde in giardino o dell’orto, con una frequenza almeno settimanale per il 27 per cento delle persone. 

Nuova attenzione al mondo del verde 

“In questo periodo di profondi cambiamenti imposti, il giardinaggio ha ottenuto un nuovo ruolo nella vita di molti di noi”, analizza Tiziano Codiferro, uno dei più affermati master gardener italiani che da oltre dieci anni ha attivato anche il sito web www.codiferro.it con cui promuove e fa conoscere al grande pubblico i mille volti di questa attività.“Come confermano le statistiche sulle visite alle mie pagine web, l’attenzione per il mondo del verde è salita vertiginosamente in brevissimo tempo: le persone si sono riscoperte capaci di coltivare fiori ed erbe aromatiche di uso quotidiano (come basilico, prezzemolo, menta e simili) non solo in giardino, ma anche sul terrazzo o sul balcone della finestra della propria cucina”. 

Una passione trasversale 

Lo studio dell’Istat mette in luce anche un’altra caratteristica di questa attività green: la sua trasversalità. Al contrario della cucina, hobby spiccatamente femminile, o del bricolage, che invece interessa maggiormente gli uomini, il giardinaggio non fa distinzioni di genere e tutti si appassionano al mondo del verde e ne restano affascinati e conquistati. 

Un’attività benefica e salutare 

Merito, prosegue l’esperto, anche dei suoi effetti positivi: “Stare a contatto con la natura, prendersi cura di una, poche o molte piante fa bene allo spirito prima e alla salute poi”, afferma Codiferro. E il giardinaggio è una riconosciuta attività antistress, perché fa perdere “i ritmi super accelerati, legati al lavoro e guadagnare un ritmo naturale, più affine alle esigenze del nostro organismo e della nostra mente”. 

Non si deve poi pensare che questi benefici riguardino solo chi ha disposizione spazi ampi, perché “anche prendersi cura di una semplice pianta da appartamento può riuscire a ridurre lo stress e l’ansia”. 

Un fenomeno sempre più social e giovane 

E se in Italia il giardinaggio sembra essere un’attività “da grandi”, conquistando soprattutto le fasce di popolazione che vanno dai 35 anni in su, negli Stati Uniti è in atto una tendenza di segno completamente opposto, che ha reso il “PlantCoaching” un fenomeno di moda soprattutto tra i più i giovani. In particolare, secondo i dati forniti dalla National Gardening Association,nel 2019 i soli Millennials hanno investito complessivamente 13 miliardi di dollari in attività e prodotti legati al giardinaggio, seguendo anche i trend di social come Instagram. 

Il giardinaggio viaggia sul Web 

Grazie alla sua capacità di sfruttare i mezzi di comunicazione moderni, quindi, il mondo vegetale sta riconquistando un ruolo centrale anche in epoca contemporanea e ha aiutato tantissime persone anche a superare le conseguenze negative del lockdown. “In questi mesi di ‘reclusione forzata’ si sono moltiplicate molto velocemente in breve tempo le ricerche in rete sui diversi temi inerenti le piante, il giardino e tutto quello che ruota intorno e per molte persone il web è stato un collegamento con il resto del mondo, con il quale vincere l’isolamento e la solitudine”, racconta Codiferro.  

Un rapporto diretto con le persone anche online 

La tipicità del suo progetto online, “un portale in cui le informazioni passano direttamente dal campo al ‘consumatore finale’, in una sorta di chilometro zero del giardinaggio”, dove un “giardiniere professionista che parla direttamente del proprio lavoro e che si documenta sugli aspetti che non conosce, coinvolgendo in questo processo anche i suoi lettori”, ha consentito di creare un rapporto diretto con gli utenti, che spesso interagiscono e chiedono consigli e supporto. 

“Proprio nelle settimane di lockdown ho ricevuto un numero maggiore di messaggi da parte dipersone che volevano consigli su piante che avevano già o che avrebbero voluto acquistare online, anche nella sezione di vendite web del mio sito; alcuni utenti hanno anche chiesto la disponibilità e la possibilità di acquistare servizi di giardinaggio una volta terminato il periodo di limitazione degli spostamenti e delle attività”, aggiunge ancora l’esperto toscano. 

Informazioni a portata di clic 

Online sono infatti presenti moltissimi siti sui quali leggere informazioni di ogni genere sul giardinaggio, ma solo in pochissimi casi questi progetti offrono approfondimenti forniti da esperti del settore: con la sua intuizione, Tiziano Codiferro è “riuscito a far conoscere la mia attività professionale e a guadagnare una posizione di autorevolezza” nel settore, e questo lo ha aiutato anche nel percorso di crescita. 

“Sono riuscito a lavorare in contesti molto diversi, dal palazzo storico nel centro di Firenze, all’azienda di moda, all’hotel di tendenza del momento, al ristorante con connotazioni green, a spostarmi in Azerbaijan per realizzare un importante progetto indoor, a collaborare con architetti del paesaggio, a spedire piante e prestare servizi anche in altri paesi del mondo”, senza mai trascurare l’attenzione per l’aggiornamento continuo e per il perfezionamento delle competenze, in modo da offrire ai clienti un servizio sempre più efficace e completo. 

BOILERPLATE 

Tiziano Codiferro è un giardiniere professionista che da oltre dieci anni gestisce un sito web per la sua attività, www.codiferro.it, attraverso cui offre approfondimenti sui molteplici argomenti riguardanti il mondo del verde per far conoscere i mille volti del giardinaggio. 

Per informazioni 

www.codiferro.it 

Tel. 347 763 3625 

Commenti