15.8 C
Catania
martedì, Aprile 23, 2024
spot_imgspot_img
HomeAdnkronos newsAdn SaluteNeoplasie croniche del sangue, 10 consigli per relazioni migliori

Neoplasie croniche del sangue, 10 consigli per relazioni migliori


Pubblicità

(Adnkronos) –
Familiari, amici e medici, con parole, gesti e sguardi apparentemente insignificanti, possono incoraggiare, sostenere o ferire chi convive con un tumore cronico del sangue. A stilare un decalogo sugli atteggiamenti in grado di migliorare queste relazioni è ‘Connessioni di vita. La guida per le interazioni che fanno bene’, realizzata nell’ambito della campagna di informazione e sensibilizzazione ‘Mielo-Spieghi’ promossa da Novartis. Si basa sui risultati della prima analisi neurometrica – condotta dal centro di ricerca Behavior and Brain Lab dell’Università Iulm di Milano, in collaborazione con Aipamm, l’Associazione italiana pazienti con malattie mieloproliferative – delle interazioni che i pazienti con neoplasie mieloproliferative croniche e leucemia mieloide cronica vivono con medici, famigliari e amici. Tutti i dettagli del vademecum per costruire relazioni positive e di qualità con questi pazienti sono descritti su Alleati per la Salute (www.alleatiperlasalute.it), il portale di informazione medico-scientifica realizzato con il supporto dell’azienda farmaceutica. 

L’indagine – si legge nell’articolo – evidenzia che i pazienti tendono a osservare il volto e i gesti dell’ematologo il 56% in più rispetto alla media, così come la sua capacità di dimostrare attenzione e vicinanza: per il 63% delle persone è proprio questo l’elemento che più influisce sul gradimento del medico. Inoltre, un paziente su 2 lamenta un comportamento iperprotettivo dei propri cari, ma 3 su 4 dichiarano di apprezzare quando famigliari e amici li coinvolgono in attività quotidiane: un atteggiamento di reciprocità che determina picchi emotivi positivi.  

La storia dei tumori del sangue è radicalmente cambiata grazie ai progressi della ricerca scientifica grazie allo sviluppo di terapie mirate e cellulari che hanno permesso di migliorare e prolungare la vita dei pazienti. Cronicizzando la malattia – conclude l’articolo – sono cambiati anche i bisogni dei pazienti e il loro bisogno di gestire in modo attivo e consapevole la malattia. Connessioni di vita diventa quindi l’occasione per scoprire, nel concreto, come migliorare le interazioni quotidiane di chi convive con un tumore cronico del sangue, grazie a piccole attenzioni che fanno una grande differenza. L’articolo completo è disponibile su: alleatiperlasalute.it/mielo-spieghi 




Copyright SICILIAREPORT.IT ©Riproduzione riservata

Clicca per una donazione

Articoli correlati

Iscriviti alla newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, le novità dalla Sicilia.

Le Novità di Naos

Il mensile di cultura e attualità con articoli inediti

- Advertisment -

Naos Edizioni APS

Sicilia Report TV

Ultimissime

Dona per un'informazione libera

Scannerizza QR code

Oppure vai a questo link

Eventi

Le Rubriche di SR.it

Vedi tutti gli articoli